La musica del cuore

Il mio amico Nico è cresciuto in un conservatorio, perché suo padre vi lavorava come custode. E in quella moltitudine di suoni, da ragazzino cominciò a ricercarne uno che potesse rappresentare la sua anima. Avrebbe potuto scegliere qualsiasi strumento ma si sentì attratto in particolare dal pianoforte e dal violino.

Nel tempo però fu lo strumento a scegliere lui. E così divenne un grande violista. Ogni volta che ci capita di parlare della sua musica, inevitabilmente lui mi dice che la massima apertura per un musicista è trovare il suono della propria anima. Mentre la massima chiusura è non potersi esprimere; non riuscire a comunicare al mondo ciò che sta vivendo, attraverso la forza dei suoni.

I blocchi nella vita ci impediscono di singhiozzare o gridare, respirare o sospirare. Ricercare la musica del cuore è un dovere che noi tutti abbiamo verso questa terra. Perché questa è la nostra terra e che cosa saremmo se non cercassimo di migliorarla?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *